Barbie dal 1957 al 2016: evoluzione di un’icona in 37 secondi! (Video)

barbie evoluzione video

Barbie cambia corpo: è la fine di un’epoca.

Negli ultimi giorni, la bambola per eccellenza e più venduta al mondo, la Barbie (clicca qui per visitare il sito ufficiale in italiano), è tornata a far parlare di sé. Stavolta non si tratta delle solite polemiche legate alla sua figura di donna idealizzata all’eccesso: cioè eccessivamente magra, eccessivamente sorridente, eccessivamente perfetta. No, non è di questo che si parla, anche se il cambiamento in atto è direttamente legato a tutte le contestazioni che finora sono state mosse alla casa produttrice: la Mattel.

La notizia del secolo è che Barbie cambia corpo! Proprio così. L’emblema della bellezza senza difetti si adegua oggi alle esigenze dei tempi e si trasforma, cercando di incontrare più tipi di donne possibile. Accanto alla Barbie che da sempre conosciamo, potremo sceglierne una più alta, una più bassa e finalmente una Barbie dalle curve più generose. Questo cambiamento così radicale è stato accolto con grande favore dal mercato, e tutti non vedono l’ora di accaparrarsi la Barbie curvy, al grido di “Finalmente una bambola che rappresenta una donna vera!”.

L’operazione sembra sia partita già con grande successo, inoltre si parla di far mettere su pancetta anche a Ken, lo storico e palestrato, compagno della mitica bambola bionda che ha fatto giocare generazioni di bambine in tutto il mondo. Ma l’eroina dei nostri giochi d’infanzia, che pur non dimostrandoli, al momento dovrebbe avere 57 anni, non è rimasta sempre identica a sé stessa. Nel corso dei decenni infatti, ha cambiato colore di capelli, forma del viso, le labbra serrate si sono aperte in un sorriso, il trucco si è adeguato alla moda dei tempi, ha inoltre cambiato colore della pelle, ma non era mai avvenuto un cambiamento così radicale sul suo corpo.

Vi presentiamo, in questo video pubblicato dal Time, l’evoluzione della Barbie dal 1959 al 2016. Buona visione!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *