Beatbox, sfida tra padre e figlia: il video virale!

beatbox-padre-e-figlia-sfida-video

Beatbox pazzesca: quando una fantastica sfida di beatbox tra padre e figlia si trasforma in brevissimo tempo in un video virale che rimbalza da una bacheca all’altra di Facebook, collezionando tra l’altro milioni di click su Youtube.

I due protagonisti di questo video sono ormai conosciutissimi in America, e la loro popolarità sta arrivando anche nel vecchio continente perchè si sa, quando certi fenomeni nascono sui social network, non esistono barriere geografiche: l’uomo e la ragazza sono padre e figlia, si chiamano Edward Cage e Nicole Paris Cage. Edward è un appassionato di beatbox ed ha insegnato tutto quello che sa a sua fìglia Nicole, senza immaginare che sarebbe ben presto diventata molto più brava di lui.

In questo video i due si riprendono mentre si sfidano a colpi di beatbox, ed Edward, visibilmente divertito, viene letteralmente stracciato da sua figlia Nicole. Quello che nessuno sospettava è che il video potesse raggiungere una popolarità incredibile in pochissimo tempo, grazie al talento dimostrato da Nicole, e da qui alla tv il passo è breve (video): padre e figlia sono stati invitati dappertutto per esibirsi live e c’è già chi, sul tubo, li ha imitati proponendo ulteriori sfide padre/figlia a colpi di beatbox bello peso!

Ma cosa diavolo è il beatbox? Si tratta della capacità di riprodurre con la bocca (e quindi senza l’aiuto di strumenti musicali o software) i suoni della batteria, dei piatti, delle percussioni e di suoni campionati, creando una serie di basi ritmate quasi indistinguibili da quelle prodotte da una classica ‘beatbox’ (guardala su Wikipedia), ovvero quelle drum machines tanto in voga agli inizi degli anni ’80 che hanno rivoluzionato il mondo dell’electro e dell’electronic dance in generale.

Ma adesso godetevi il video di questo stupefacente beatbox, nel quale è chiaro come l’alunna abbia di gran lunga superato il maestro! Buona visione! 🙂

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *