L’evoluzione della bicicletta in 1 minuto! [Video]


Evoluzione-storia-della-bicicletta-in-1-minuto-animazione-video

Com’è cambiata la bicicletta nel corso dei secoli? Questa interessante animazione, realizzata nel 2013 alla Royal Danish Academy of Fine Arts, racconta l’evoluzione di questo antico veicolo a propulsione umana in un solo minuto.

Si dice che le prime tracce di un progetto simile ad una bicicletta si trovano tra le carte di Leonardo Da Vinci, che nel 1493 ne avrebbe disegnato la struttura. Ma questa paternità non è storicamente provata, e non essendoci altre prove tangibili, rimane molta incertezza su chi e quando abbia effettivamente inventato questo mezzo di trasporto rivoluzionario.

Facendo un salto nei secoli, arriviamo al 1790, quando un francese di nome Conte Mede de Sivrac disse di essere il primo ad aver collegato due ruote alle estremità di un pezzo di legno, chiamando questa sua invenzione col nome di “velocipede”, che è l’antenato della moderna bicicletta.

Meno di vent’anni dopo, nel 1817, il tedesco Karl Drais von Sauerbronn costruì in primo velocipede orientabile, il “Draisine”, con una sorta di manubrio che faceva girare la ruota anteriore.

Un anno dopo, nel 1818 ma questa volta in Inghilterra, un certo Denis Johnson migliorò il “Draisine” del suo collega tedesco, costruendo un modello simile, ma più leggero e con ruote più grandi.

Nel 1839 appaiono i primi pedali della storia della bicicletta: infatti, lo scozzese Kirkpatrick MacMillan affermò di essere l’inventore della prima bicicletta a pedali, ispirata alla locomotiva.

Nel 1869 il francese Eugene Meyer ebbe il merito di aver inventato la prima bicicletta a ruota alta, e da quella data l’attenzione su questo veicolo esplode in tutta europa, e l’evoluzione della bicicletta risente di un’accelerazione improvvisa, grazie a inventori e ingegneri come Pierre LallementEugene MeyerJames StarleyHarry J. LawsonJ.K. Starley.

Ecco in 1 minuto la storia della bicicletta, vista dal design!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *